Polonia su UNESCO

Auschwitz-Birkenau

Auschwitz-Birkenau è considerato il simbolo dell’Olocausto e il crimine nazista, e il più grande cimitero del mondo. Qui, tra 1940-1945 a circa 1,5 milioni di persone innocenti, tra cui donne e bambini sono stati morti nelle ceneri di crematori o uccisi con il criminale esperimenti medici, la fame, il lavoro estenuante. La maggior parte delle vittime erano ebrei, come campo di Birkenau divenne il centro di sterminio degli ebrei europei – quasi 1 milione è stato ucciso qui. Tranne gli ebrei c’erano anche polacchi, russi, zingari e membri di altre nazionalità che sono stati portati nei campi nazisti. Nel 1940 sulle periferie della città Oswięcim (in tedesco Auschwitz), a soli 70 km da Cracovia nazisti stabilirono il campo di concentramento, che in seguito è stato trasformato anche nel campo di sterminio. Un anno dopo la seconda parte del campo è stata costruita, conosciuta come Auschwitz II o Birkenau. Molto presto divenne la vera fabbrica della morte con quattro crematori con la capacità di bruciare circa 5000 cadaveri al giorno.

Oggi Auschwitz-Birkenau protegge il sito degli ex campi di concentramento e di sterminio. Ad Auschwitz-Birkenau si può ancora vedere il mattone e baracche di legno, erano i prigionieri sono stati mantenuti, la forca, fili spinati, il crematorio e la camera a gas (ad Auschwitz), o le loro rovine di Birkenau. Il Museo di Auschwitz Birkenau è considerato non solo il monumento al genocidio nazista deliberata, ma anche il monumento alla forza dello spirito umano, che nelle condizioni spaventose dei campi nazisti era ancora in grado di mostrare il suo eroismo in difesa essere umano e della sua dignità .

Foresta di Bialowieza

Il Parco Nazionale di Bialowieza protegge i più antichi rimasti della foresta immensa primordiale che copriva le pianure d’Europa più di 1000 anni fa. Foresta di Bialowieza si trova nella zona di frontiera tra Polonia e Bielorussia. La parte polacca copre l’area di 580 km2. 500 anni fa, fu la zona di caccia preferita dei re polacchi – per questo proibirono sistemarsi e l’abbattimento degli alberi in questa regione. A causa di questo la foresta sono stata rimasta intatta da ogni civiltà fino ad oggi. Nel 1924 il parco nazionale è stato istituito qui, il più antico in Polonia. Nel 1977 è stato inserito nella lista del patrimonio Mondiale UNESCO, come uno dei 2 parchi nazionali che sono su questa lista in Europa (un altro – Durmitor in Montenegro). Nella foresta di Bialowieza ci sono circa 20 diversi tipi di foreste! La foresta di Bialowieza è famosa per i bisonti che vivono qui, i più grandi mammiferi in Polonia. A causa delle mandrie a Bialowieza le specie di bisonte sono state ricostruite in Europa. Nel 1927 gli animali estinte – tra i 50 mammiferi che sono stati trovati nel mondo alcuni di essi sono stati scelti per essere portato a Bialowieza, quando il programma di reintroduzione del bisonte in Europa ha iniziato.

Chiese della Pace a Jawor e Swidnica

Le Chiese della Pace a Jawor e Swidnica sono gli esempi più eccezionali dell’architettura in legno e dei fenomeni culturali. Entrambi erano costruite nel 17° per le comunità protestanti nella cattolica Slesia a seguito dell’accordo del Trattato di Westfalia (1648) che pose fine alla guerra dei trent’anni in Europa. Questa guerra è stata la lotta tra la protestante Reich (supportato da altri paesi protestanti: Olanda, Danimarca, Svezia) e la cattolica dinastia degli Asburgo. L’imperatore d’Austria Ferdinando III d’Asburgo permise i protestanti a costruire tre chiese – per mantenere la pace in Slesia. Solo due di loro – in Jawor e Swidnica sono rimaste fino ad oggi.

Queste chiese sono i più grandi edifici religiosi in pannelli di legno in Europa e la grande testimonianza della tolleranza religiosa. Le chiese tuttavia dovevano essere costruiti con materiali diversi (legno, argilla, sabbia), fuori della città e durante solo 1 anno. E ‚implementato il pioniere delle soluzioni costruttive e architettoniche ciò che ha reso le chiese di pace uno dei manufatti più sorprendenti in Europa. La Chiesa della Pace a Swidnica ha i 4 piani con gallerie per circa 7500 persone. Gli arredi della chiesa stupiscono anche con la loro bellezza: gli altari, pulpiti, soffitti dipinti e il meraviglioso altare barocco.

Kalwaria Zebrzydowska

Kalwaria Zebrzydowska è un esempio mozzafiato del paesaggio culturale e la religiosità che fiorì in Europa come il risultato della lotta tra la Chiesa cattolica e la chiesa protestante. Nel 17° la famiglia Zebrzydowski fondò il Calvario con circa 40 piccole chiese e cappelle che formavano la copia simbolica di Gerusalemme. Gli architetti hanno utilizzato l’area naturale con le colline la cui topografia ricordava quello in Terra Santa facendo Kalwaria Zebrzydowska uno dei più bei paesaggi fatti dall’uomo che combinano la bellezza naturale con gli obiettivi spirituali. Kalwaria Zebrzydowska è ancora il centro attivo dei pellegrinaggi – la seconda grande dedicata alla Madonna in Polonia. Qui nella Basilica la sacra icona della Madonna è conservata attirando migliaia di visitatori ogni anno. Kalwaria è diventata il luogo speciale per la venerazione di Cristo Passione – visitando le cappelle pittorescamente situate intorno le colline, si può seguire la Via Crucis. Ogni anno durante la Settimana Santa il grande misterium di Passione si svolge qui, uno dei più spettacolari eventi religiosi in Europa. Kalwaria svolse un ruolo speciale nella vita del Papa Giovanni Paolo II, visitò questa piazza centinaia di volte quando era un ragazzo – oggi è uno dei luoghi più importanti del percorso di Giovanni Paolo II.

Krakow – la Città Vecchia

Fortunatamente, Cracovia non è stata mai distrutta dai nazisti tedeschi durante la seconda guerra mondiale (in contraddizione con la maggior parte delle grandi città polacche) e oggi è conosciuta come una delle più bel conservate città medievali in Europa. Per questo motivo nel 1978 è entrata nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco insieme con i primi dodici siti in tutto il mondo che sono stati scelti dal Comitato dell’UNESCO! Cracovia è stata la ex capitale del regno polacco ed a causa di essa il centro politico e artistico. è spesso chiamata la capitale culturale della Polonia o la Città Reale. Il cuore pulsante della città è la Piazza del Mercato, la più grande piazza medievale d’Europa (200m x 200m). Qui potete trovare il bellissimo edificio del Palazzo dei Tessuti e la Basilica di Santa Maria, una chiesa gotica meravigliosa con il più grande altare medievale d’Europa, realizzato nel 15° dall’artista Veit Stoss. Lungo la Via Reale ci sono numerose chiese medievali e barocche. La perla di Cracovia è la collina di Wawel con il castello reale del rinascimento e la cattedrale – la chiesa delle incoronazioni principali e la chiesa di sepoltura dei re polacchi. Nelle vicinanze si trova anche il quartiere storico dell’Università con l’edificio gotico del Collegium Maius (15°). Cracovia è la sede della più antica università in Polonia. Al centro c’è anche Kazimierz, il vecchio quartiere ebraico, che è diventato famoso grazie al film List della Schindler che è stato fatto qui da Steven Spielberg.

Miniere di Sale a Wieliczka e Bochnia

La miniera di sale di Wieliczka è una delle più grandi e più antiche miniere di sale in Europa e sicuramente una delle meraviglie della Polonia! È entrata nella lista dell’UNESCO insieme con i primi 12 siti in tutto il mondo che sono stati messi in questa lista privilegiata. La miniera di Wieliczka vicino Cracovia è stata operativa dal 13° secolo. Oggi non è solo il monumento alla storia delle miniere, ma anche un grande monumento al lavoro umano. Tutte le camere di sotterranei, cappelle, gallerie sono state scavate nel salgemma dai minatori che lavorano nelle profondità. La miniera di sale di Wieliczka ha 9 livelli, ma solo tre sono disponibili per i visitatori. E ‚324 metri di profondità e ha più di 2000 camere di sale, che tutti insieme sono lunghi circa 300 chilometri! Una delle cose più sorprendenti sotto terra sono le cappelle con la bella decorazione: altari, statue, lampadari che sono scolpiti nel sale. Tra questi il più spettacolare è la Cappella di Santa Kinga, la più grande cappella sotterranea fatta di sale in tutto il mondo. Fatta eccezione per il percorso turistico nella miniera si trova anche il museo delle miniere e del luogo di cura sotterraneo.

Vicino a Cracovia e Wieliczka c’è un’altra miniera di sale, la più antica della Polonia. Si trova a Bochnia ed è entrata a far parte del patrimonio dell’umanità nel 2013 come seconda estensione del sito della miniera di sale di Wieliczka, riconosciuto sin dal 1978. Ci sono 16 livelli sotto la superficie. Le più famose in Bochnia sono il Passaggio di August, il percorso di trasporto e di comunicazione principale e la più grande camera – Camera di Wazyn. La Miniera conduce le mostre multimediali sulle quali i visitatori possono tracciare la storia di estrazione del sale. Durante la visita guidata i visitatori ascolteranno la storia dei re polacchi, i minatori genovesi ma anche dello spirito del monaco cistercense – un monaco della legge prevede la creazione della miniera a Bochnia. Ci sono due modi di esplorare questo luogo – a piedi o in barca.

Malbork – Castello dell’Ordine teutonico

Castello di Malbork è uno dei più grandi e più belli castelli medievali in mattone, splendidamente situato sul fiume Nogat. E’stato costruito dall’Ordine Teutonico nel 13°, ma ampliato e trasformato in enorme monastero fortificato dopo l’arrivo del Gran Maestro dell’Ordine. Si è trasferito a Malbork da Venezia nel 1307 ponendo qui la sede dell’ordine. Il castello è davvero impressionante – si compone di 3 castelli interiori, uno basso, altro – intermedio e l’ultimo – superiore. Il complesso è coronato con la bella forma della basilica gotica. La visita guidata del castello ti prende indietro nel Medioevo e la storia oscura delle Crociate e la cristianizzazione di Prussia. Nella Polonia del Nord c’è il percorso dell’Ordine Teutonico – seguendolo si visita le città gotiche oppure i castelli costruite da loro nel Medioevo (Grudziadz, Kwidzyn, Chelm, Olsztyn). Tra tutti gli edifici il castello di Malbork è l’esempio superiore di architettura dell’Ordine Teutonico in Europa.

Parco di Muskau

Il Parco Muzakowski copre la superficie di 700 ettari ed è uno dei più grandi e più bei parchi paesaggistici in Europa. E ‚stato fondato dal principe Herman Puckler-Muskau tra 1815 e 1844, ma il suo lavoro è stato continuato dai discendenti del principe fino alla seconda guerra mondiale. Dopo il 1945 il nuovo confine era segnato – il confine che ha diviso la Polonia e Germania. Il parco circonda la residenza dal 19° e non è solo l’esempio eccezionale del 19°, ma anche il monumento della natura: ci sono delle foreste, terreni paludosi, brughiere, i laghi e la pittoresca valle del fiume Nysa. Passeggiando verso il parco si può ammirare il panorama della valle, alberi solitari, romantici ponti e colline verdi. Il Parco Muzakowski era una pietra miliare nello sviluppo di un ideale paesaggio fatto da umano e l’architettura del paesaggio come disciplina.

Torun – la Città Vecchia

Toruń è pittorescamente ubicato sul fiume Vistola – la vista panoramica del centro storico medievale (visto dagli argini del fiume Vistola) è stato scelto nel 2007 per essere una delle sette meraviglie della Polonia. Lo sviluppo di Torun era collegato con l’Ordine Teutonico, che si stabilì qui nel bel mezzo del 13°, la costruzione del castello gotico – la base per la cristianizzazione di Prussia. Ben presto la città ha iniziato a sviluppare il centro commerciale, essendo una delle più importanti città della Lega Anseatica. Torun ha ancora il suo spirito medievale nascosto tra le vecchie case del 14° e 15°, le fortificazioni, le chiese (Cattedrale di San Giovanni), che sono considerati come dei migliori esempi di architettura medievale in mattone. L’unica cosa è il piano urbano medievale che può essere ancora osservato. Il cuore della città è la piazza medievale principale con lo stupendo Municipio in mattone. Torun è anche la città di Nicolaus Copernicus, il grande astronomo che ha introdotto la teoria eliocentrica rivoluzionaria. Lui fu nato qui nel 1473 (in via di S. Anna si trova il museo di Copernico). Essere in Torun non perdere la degustazione delle torte di zenzero famosi, che sono diventati il simbolo della città. Nel Medioevo Torun fu un grande centro commerciale e il porto importante con l’accesso alle spezie esotiche e rare: cardamomo, cannella e zenzero, quello che ha dato la possibilità di iniziare a produrre questi dolci.

Varsavia – la Città Vecchia

Varsavia, la capitale della Polonia è molto spesso chiamata da polacchi: la città-eroe. Questa bellissima città, a partire dall’inizio del 17° fu il centro amministrativo della Polonia e la sede della famiglia reale ma ha sofferto di più durante la seconda guerra mondiale. Dopo la rivolta di Varsavia nel 1944 Warszawa è stata completamente distrutta dai nazisti tedeschi, bombardata fino a terra. Oltre l’85% degli edifici sono stati distrutti e il splendido centro storico trasformato in rovine. Ci sono voluti anni per ricostruire la città ed è stato un grande sforzo per i suoi cittadini. Varsavia è entrata a far parte della lista del patrimonio dell’umanità nel 1980 come uno dei più sorprendenti, meticolosi e quasi totali ricostruzioni del centro storico.

Oggi, passeggiando per il centro storico si può ancora sentire lo spirito di Varsavia ai tempi d’oro – 18° secolo, quando fu la scena per gli importanti eventi politici e artistici nella corte dell’ultimo re di Polonia Stanislaw Poniatowski. I punti salienti del centro storico sono: il Castello Reale, le stradine pittoresche e il mercato principale che si allineano con le belle case, le fortificazioni e la Cattedrale di San Giovanni. Il simbolo contemporaneo della città è il Palazzo della Scienza e della Cultura, costruito nel 1955 come dono compulsivo da Stalin. Varsavia è anche famosa per i suoi parchi. La più bella è Lazienki Park (Terme), l’ex residenza suburbana del re polacco con il Palazzo su Acqua, templi piccoli e la statua di Chopin.

Chiese in legno della Piccola Polonia meridionale

Le chiese in legno della Polonia meridionale (regione di Malopolska) è uno dei monumenti più singolari che si possono trovare in Polonia. Questi edifici fanno la parte del famoso Percorso dell’Architettura in legno che mostra gli esempi più preziosi della tradizionale architettura in legno: manieri, mulini, chiese, cappelle, chiese ortodosse o campanili. Solo nella regione di Malopolska (Cracovia è la sua capitale) ci sono 237 oggetti in questo percorso. Le più belle, tuttavia, sono le antiche chiese di legno – 6 di loro sono stati immessi sulla Lista del patrimonio mondiale nel 2003 (chiese a Binarowa, Blizne, Debno Podhalanskie, Haczów, Lipnica Murowana, Sękowa). Sono state fondate dai nobili locali come il simbolo della loro religiosità, ma anche ricchezza e sono stati utilizzati per servire anche per l’intero villaggio. Alcuni di loro hanno ancora la sua decorazione originale: dipinti al muro, mobili in legno e sculture. Visita a tale chiesa è un’esperienza indimenticabile. Il silenzio e l’odore di legno vecchio ti prendono indietro al Medioevo. D’altra parte visitare queste chiese, pittorescamente situate nei piccoli villaggi della regione Malopolska ti darà la possibilità di ottenere il vero sapore della Polonia.

Breslavia – Sala del Centenario

La Sala del Centenario a Breslavia è l’unico monumento moderno sulla lista dell’UNESCO in Polonia. È un edificio costruito nel 1911-13 da Max Berg, con lo scopo di essere la sala multifunzionale di ricreazione ed è stato un lavoro pionieristico di ingegneria moderna. È considerato uno dei migliori esempi di architettura concreta ed era un edificio molto importante nello sviluppo delle strutture in calcestruzzo nel 20°. Nella forma è un quadrifoglio simmetrico con un ampio spazio centrale circolare che può ospitare circa 6.000 persone. L’altezza della cupola – 23m è sormontata da una lanterna in acciaio e vetro.

Zamosc – la Città Vecchia

Nel 1580 un nobile e dignitoso polacco Jan Zamoyski prese la decisione di fondare una città – nella giunzione dei percorsi commerciali che portano dall’Europa occidentale e dal nord verso la vista nera. La città fu data il nome derivante dal nome del fondatore: Zamosc. È stato progettato da un italiano proveniente da Padova Bernardo Morando – ora meraviglia, che è chiamato anche Padova dell’Europa settentrionale. La città moderna si basava sulla teoria rinascimentale della città ideale. Il suo unico piano urbano della città fortificata ideale con il complesso di circa 120 edifici storici fece Zamość uno dei migliori esempi della città del Rinascimento della fine del XVI sec. È la ragione per cui nel 1992 è stata inserita nell’elenco del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Quando Zamosc è stato costruito, è stato situato nel cuore del Regno polacco, oggi si trova solo 50 km dal confine orientale con l’Ucraina. Essendo a Zamosc puoi realmente ottenere lo spirito della Polonia Orientale. Il cuore della città è la piazza principale, allineata con il meraviglioso XVI sec. Case di abitazione con i portici pittoreschi al piano terra. È il complesso delle case rinascimentali bel conservato. È dominata dalla bellissima municipio disegnata da Morando. Ripercorrendo la storia di Zamosc e cercando il suo spirito si possono vedere le numerose chiese, i monasteri, il Palazzo Zamoyski e l’edificio dell’Accademia Zamosc, una delle 3 università del XVI secolo in Polonia.

Chiese Ortodosse in legno della regione dei Carpazi in Polonia e Ucraina

Questo record include 16 selezionati dalla tserkvas, di cui otto situati nel territorio montuoso della Polonia (Radruz, Chotyniec, Smolnik, Turzańsk, Powroznik, Owczary, Kwiatoń e Bunary Wyżne) e otto in Ucraina. Le chiese ortodosse e le comunità del cattolico greco si distinguono tra le altre parti sacre di legno delle soluzioni di costruzione complessa dell’Europa. Canale tecnologico stabilito. Hanno superato le cupole del negozio o della cipolla. Hanno campana in legno e tra una bella iconostasi e murales.